Detrazioni mutui: nessun taglio nelle dichiarazioni 2014


Mutui-per-la-casa-le-erogazioni-sono-ancora-in-caloIl governo ha scelto di non far scattare la clausola di salvaguardia, ricorrendo ai tagli della spending review per recuperare le risorse necessarie per evitare il taglio delle detrazioni del 19% sulle spese sanitarie, sugli interessi sui mutui per l’acquisto della casa, e tanto altro ancora. In altri termini, anche per il 2014 i milioni di contribuenti che riportano uno sconto sulle imposte pari al 19% in sede di dichiarazione dei redditi, possono ritenersi sufficientemente “salvi”.

Le buone notizie sembrano tuttavia finire qua: anche se il taglio sulle detrazioni al 19% è stato per il momento sventato, vi sono alcune voci di spesa che risentiranno pesantemente delle scelte dell’esecutivo. Basti considerare, ad esempio, ciò che accadrà nei confronti di chi ha stipulato polizze sul rischio morte e sugli infortuni.

Per costoro lo sconto in sede di dichiarazione dei redditi sarà meno “grasso” degli scorsi anni, visto e considerato che il limite massimo su cui calcolare la detrazione dei premi di assicurazione sulla vita e contro gli infortuni è calato da 1.291,14 euro a 630 euro. Ne deriva che il tetto dello sconto influenzerà negativamente la reale possibilità di portare in detrazione le spese sostenute, per un trend che sembra essere prolungato anche per l’anno in corso (nelle dichiarazioni dei redditi 2015 il tetto scenderà infatti a 530 euro).

Stessa sorte anche per i contratti di assicurazione sulla vita e contro gli infortuni che sono stati stipulati o rinnovati entro il 2000. Vengono invece salvaguardati i premi sulle assicurazioni relative al rischio di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana, con un tetto di 1.291,14 euro anche per il periodo di imposta 2014.


Sembra invece aver assunto una strada di decisa salita la procedura di ottenimento dei rimborsi fiscali superiori ai 4 mila euro, a causa della detrazione per carichi familiari o da eccedenze di imposta su precedenti dichiarazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*