Mutui casa dimezzati nel 2012


mutui casaNel corso della prima metà dell’anno i mutui per l’acquisto di immobili si sono dimezzati rispetto alla prima metà del 2011. Ad affermarlo sono gli ultimi dati relativi all’osservatorio dei costruttori dell’Ance su elementi statistici forniti a novembre dalla Banca d’Italia, che segnalano come i finanziamenti a medio e lungo termine per l’acquisto di una casa siano calati del 47,9 per cento nei primi sei mesi di quest’anno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Per quanto concerne gli importi, le banche hanno erogato 14,447 miliardi di euro di mutui nel periodo gennaio – giugno 2012, contro i 27,7 miliardi di euro erogati nello stesso periodo del 2011. Un trend che va avanti dallo scoppio della crisi economico finanziaria (al di là di una breve e illusoria parentesi positiva nel corso del 2010), e che è testimoniata dalle nuove previsioni Ance sul futuro del comparto dei mutui per abitazioni.

Dal 2007 al 2011, prosegue ancora il report curato dall’osservatorio Ance, il calo dei nuovi mutui erogati per l’acquisto abitazioni è stato pari a oltre 21 punti percentuali: un dato che, evidentemente, stride con l’incremento della domanda relativa al fabbisogno abitativo, visto e considerato che, ogni anno, le famiglie che esprimono il desiderio di comprare casa crescono di 1,3 punti percentuali (in termini assoluti, l’Ance prevede che per soddisfare la domanda attuale occorrano quasi 600 mila abitazioni ogni anno).

Per quanto concerne le prospettive di brevissimo termine del settore edilizio, il nero è il colore predominante. Secondo quanto affermato dal presidente dell’associazione, Paolo Buzzetti, l’edilizia starebbe soffrendo di un doppio effetto credit crunch, poiché oltre a soffrire del collo dei finanziamenti erogati alle imprese edili per gli investimenti nelle costruzioni residenziali e non residenziali, soffrirebbe altresì del calo dei mutui erogati alle famiglie.


Una situazione evidentemente critica, dalla quale non sembrano partire immediate vie di uscita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*