Mutui facili: arrivano 4,5 miliardi di euro


prestitiIl governo Letta ha elaborato un provvedimento che dovrebbe garantire l’iniezione di 4,5 miliardi di euro finalizzati a facilitare la concessione di mutui da parte delle banche.

Il “merito” andrebbe ricondotto al ruolo giocabile con la Cassa depositi e prestiti, che avrà il compito di erogare 2 miliardi di euro per poter rafforzare il sistema bancario, in vista della nuova campagna di prestiti agevolati.

Oltre alla “ventata” di liquidità erogata tramite la Cassa depositi e prestiti, si tenga conto che nei prossimi mesi entreranno in funzione nuovi strumenti (o il rifinanziamento di vecchi strumenti) indirizzati a soddisfare le esigenze di specifico target: tra i tanti, i 200 milioni di euro attraverso i quali viene finanziato un fondo per le giovani coppie (anche “atipiche”) che desiderano poter acquistare la propria prima casa di proprietà.

Bisognerà solamente comprendere se questi provvedimenti sapranno o meno rilanciare un settore in profonda difficoltà. Nonostante l’incremento delle richieste di mutui sperimentato a luglio (+ 2%) e ad agosto (+ 4%), l’impressione è che simili iniziative non siano sufficienti per poter ripristinare un equilibrio perduto da troppi anni.

Nell’attesa di novità, il nostro consiglio è quello di ricorrere ad una consulenza approfondita per comprendere la portata dei requisiti di merito creditizio della vostra banca e, se occorre, cercare di individuare il mutuo migliore attraverso una comparazione fruibile mediante i principali portali che offrono questo servizio. Le banche stanno applicando degli spread che appaiono non sottovalutabili, ma le occasioni di risparmio non dovrebbero mancare, anche in questi giorni, e anche a tasso fisso (e non solamente sui mutui a tasso variabile, dove gli spread sono generalmente più generosi).


Nel corso delle prossime settimane torneremo ancora sull’argomento, cercando di esporre ulteriori novità in un comparto che sembra essere destinato a un lungo e graduale miglioramento nelle sue variabili fondamentali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*