Mutui: misure di sostegno regionale a chi è in difficoltà


Se siete in difficoltà con il pagamento delle rate del mutuo e la vostra banca non vi ha permesso di accedere alle opzioni di allungamento del mutuo, o alla rinegoziazione del finanziamento, forse non tutto è perduto. Diverse Regioni hanno infatti approntato alcune utili iniziative di supporto in questa difficile fase congiunturale, e dalla Lombardia alla Campania non mancano le possibilità di accesso a misure di sostegno particolarmente gradite.

Ad occuparsi del fenomeno, qualche giorno fa, è stato anche il magazine Wired, che ricorda come appena pochi giorni fa la Lombardia abbia lanciato un pacchetto di misure di supporto ai mutuatari in difficoltà, in accordo con gli istituti di credito del gruppo Intesa Sanpaolo e Unicredit, e con la finanziaria pubblica locale Finlombarda. In particolare, è stato stabilito che i cittadini che risiedono in Lombardia, e che vertano in una situazione di disoccupazione, di mobilità o di altre condizioni di difficoltà economica, e che abbiano stipulato un mutuo immobiliare presso una banca aderente, possano sospendere il pagamento delle rate per un periodo massimo di 12 mesi, o allungare la durata del rimborso sino a un massimo di 40 anni. La finanziaria pubblica Finlombardia ha invece reso noto di aver offerto un fondo di garanzia da 5 milioni di euro per permettere alle coppie sposate under 35 di poter stipulare un mutuo per la prima casa a tasso scontato del 2 per cento per i primi 5 anni.

In Emilia Romagna sono diverse le iniziative pro-mutuatari. A cominciare da quella di Banca Mediolanum, che ha ridotto lo spread dei mutui in essere dell’1 per cento per due anni. La Regione ha altresì incrementato il bonus pubblico per le giovani coppie che desiderano acquistare casa nelle zone colpite dal terremoto di maggio, portandolo a 30 mila euro.


In Campania l’Ance ha stipulato un’intesa con la Carime, del gruppo Ubi, per il rilancio dell’edilizia. E nella vostra zona quali iniziative sono state predisposte per i mutuatari in difficoltà?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*