Mutuo a tasso variabile protetto da Credem


Il mutuo Credem a tasso di interesse variabile protetto è un finanziamento mutuo tasso fisso credem immobiliare ipotecario che l’istituto di credito in questione pone a disposizione per tutta la clientela che desideri riservarsi i vantaggi derivanti dalla presenza di un tasso di interesse indicizzato, con la protezione di un tetto massimo all’incremento dello stesso.

Il finanziamento sarà utilizzabile per far fronte alle principali esigenze immobiliari, come ad esempio l’acquisto della propria prima o della seconda casa, o ancora la ristrutturazione di una proprietà immobiliare ad uso abitativo, la costruzione della stessa, o la sostituzione di un finanziamento in corso di ammortamento.

Come sostenuto, il tasso di interesse base sarà calcolato in riferimento a un parametro di indicizzazione rappresentato dall’Euribor di periodo, maggiorato di uno spread concordato tra le parti in sede di istruttoria, e costante per l’intera durata dell’operazione, fino all’estinzione del debito residuo.

L’incremento dell’Euribor incontrerà tuttavia un limite nella fissazione di un cap, cioè di un tetto massimo all’apprezzamento dei tassi di mercato, che impedirà all’importo delle rate di crescere oltre una soglia predeterminata in sede contrattuale, e rappresentante un vero e proprio limite dell’onerosità della transazione finanziaria.

In questo modo il cliente potrà godere dei benefici relativi alla presenza di un tasso di interesse variabile (nell’ipotesi di decremento dei tassi di mercato) senza tuttavia correre il rischio di affrontare eccessivi, indesiderati e imprevisti incrementi dell’importo delle rate nell’ipotesi inversa di aumento dell’Euribor.


L’importo massimo finanziabile mediante l’operazione non dovrà di norma eccedere l’80%  del valore commerciale dell’immobile oggetto di contratto, mentre la durata del piano di ammortamento sarà compresa tra un minimo di 5 anni  e un massimo di 30 anni. Il mutuo è inoltre abbinabile a delle polizze assicurative di tutela dell’immobile e del mutuatario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*