Mutuo al 100%: ritorno dopo anni di assenza


mutuoSarà anche un timido segnale di ripresa, ma la notizia che i mutui al 100% stanno facendo nuovamente capolino all’interno degli istituti di credito italiani sembra soddisfare ben più di qualche osservatore.

Pur rimanendo un obiettivo al quale ben pochi riescono a giungere, i finanziamenti in grado di coprire l’intero valore dell’immobile stanno tornando sui banconi delle aziende creditizie nazionali e, in particolar modo, all’interno della gamma d’offerta di Intesa Sanpaolo.

A commentare l’evoluzione è stato, sulle pagine de La Stampa, Roberto Anedda, il direttore marketing di Mutuionline, che sottolineava come rispetto ad appena 18 mesi la ristrettezza del mercato del credito si stia lentamente affievolendo, garantendo pertanto un incremento del rapporto loan-to-value, ovvero la relazione tra quanto erogato dalle banche, e quanto vale l’immobile oggetto di compravendita.

Di contro, continuano a presenziare ulteriori elementi ben più penalizzanti, come gli spread maggiori (cioè, le maggiorazioni sui tassi che vengono applicati dalle banche a titolo di remunerazione sulle proprie operazioni di mutuo) e la prestazione di garanzie aggiuntive (frequentissime sono le fideiussioni da parte di terzi, ad esempio i genitori).

Ma in che modo poter arrivare a ottenere il mutuo ideale, magari anche al 100%? La soluzione sembra essere “vecchia”, ma pur sempre valida. Chiedere preventivi a diversi istituti di credito, evitare di accontentarsi della prima proposta che ci sembra soddisfacente, e confrontare le varie offerte che vengono avanzate dalle banche. Un processo che può richiedere giorni e settimane, ma che alla fine riuscirà a farci risparmiare anche mezzo punto di spread.


Attenzione inoltre alle condizioni di tasso applicate al mutuo 100%: spesso gli spread sono notevolmente più elevati dei mutui ordinari all’80%: bisognerà quindi comprendere se valga o meno la pena incrementare le proprie richieste finanziarie, a discapito della convenienza delle condizioni di onerosità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*