Pietro Colucci, innovare nel rispetto delle comunità locali


Innovare nel rispetto delle comunità locali. Una priorità che dovrebbe essere al centro di tutte le iniziative imprenditoriali e che, purtroppo, spesso e (mal) volentieri viene accantonata in virtù del facile fatturato. A ribadire l’importanza della creazione di utili sinergie con il territorio è stato, poche settimane fa, Pietro Colucci, amministratore delegato e presidente di Kinexia, la società che dal 2009 – tra le tante altre attività- ha rilevato il pacchetto di maggioranza della Miro Radici Energia.

Proprio la Kinexia aveva l’opportunità di compiere un importante progetto ad alto tasso di redditività, l’impiego in una centrale a olio di palma nella zona di Vigevano, ma ha preferito compiere un congruo passo indietro. Il perchè lo ha spiegato ai media lo stesso Pietro Colucci, che ha evidenziato come “quello della centrale a olio di palma fosse indubbiamente un ottimo progetto ma, come filosofia aziendale, preferiamo guadagnare meno ma non imporre interventi contro la volontà della comunità”.

Un comportamento lodevole, quello dell’amministratore della Kinexia, particolarmente attento al totale rispetto del territorio. “Il nostro gruppo intende lavorare con progetti mirati e attenti alla questione ambientale” – ribadisce il numero uno della società.


Pietro Colucci, nato a Napoli nel 1960, laureato in economia e commercio, imprenditore dal 1982, nel 2000 lancia l’acquisizione della divisione italiana del gruppo statunitense Waste Management Inc., la più grande società ad operare, nella Penisola, nel settore dei servizi ambientali. Due anni dopo vara un piano industriale che prevede l’espansione delle attività della società al settore della produzione di energia da fonti rinnovabili. Dal 2006 al 2011 ha ricoperto la carica dell’associazione Assoambiente. Maggiori informazioni su www.pietrocolucci.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*